Seleziona una pagina

E-MOBILITY

MAILCHIAMA

E-MOBILITY SOLUTIONS

Prodotti e sistemi per la ricarica dei veicoli elettrici

Entro il 2030 il 50% delle nuove auto vendute nel mondo saranno elettriche. Secondo studi condotti dalla banca d’affari Svizzera UBS entro il 2040 nel mondo si acquisteranno solo veicoli elettrici. Le previsioni indicano che nel 2028 il numero di auto tradizionali (benzina e gasolio) immatricolate in Italia sarà di poco superiore al 30% (5% diesel, 26% benzina), molte meno delle auto elettriche (20%) e ibride (49%). I piano industriali di Wolkswagen, BMW, Totota e dei principali già prevedono la transizione alla propulsione elettrica nel mercato automotive. I veicoli a batteria rappresenteranno oltre il 70% delle sue vendite totali di veicoli europei entro il 2030.

Sarà fondamentale provvedere allo sviluppo dell’infrastruttura elettrica a supporto della mobilità nei diversi settori economici e nelle diverse applicazioni, residenziali, commerciali, industriali e nei trasporti delle merci.

I punti di ricarica che consentono il trasferimento di elettricità a un veicolo hanno potenze variabili in funzione della destinazione di uso:

  • da 3,7kW a 7,4 kW (residenziali e condominiali)
  • da 11kW a 22 kW (condominiali e commerciali)
  • da 50kW a 350kW (commerciali e stradali) nella versione veloce ed ultraveloce.

Le stazioni di ricarica sono costruite per ricaricare anche più di un veicolo contemporaneamente, in modo da ottimizzare il processo di ricarica.

I NOSTRI SERVIZI

CONSULENZA

Tipologie impianti di ricarica

SCOPRI DI PIù
  • Analisi e consulenza tecnica-commerciale
  • Impianti ricarica Domestica/Residenziale
  • Impianti ricarica Condominiale/Aziendale
  • Impianti ricarica Pubbliche/Commerciali

REALIZZAZIONE IMPIANTI

Progettazione e realizzazione di impianti di ricarica

SCOPRI DI PIù
  • Consulenza tecnico-economica
  • Sopralluoghi e verifiche fattibilità
  • Elaborazione progetto
  • Progettazione esecutiva
  • Realizzazione e installazione impianti
  • Assistenza e manutenzione

DOWNLOAD

BROCHURE PARCHEGGI ABITAZIONI PRIVATE

BROCHURE PARCHEGGI HORECA-CONDOMINI

BROCHURE PARCHEGGI COMMERCIALI

BROCHURE TECNICA E-MOBILITY

BROCHURE GENERALE E-MOBILITY

LA SITUAZIONE ATTUALE IN ITALIA

In Italia oggi sono presenti 13721 punti di ricarica in 7203 stazioni accessibili al pubblico.

La ripartizione media è del 73% per le infrastrutture pubbliche ad accesso pubblico e del 27% su suolo privato a uso pubblico.

Rispetto alla precedente rilevazione, effettuata a fine settembre 2019, si registra una crescita media del 33% e il trend è in continuo aumento.

TIPI DI RICARICA

RICARICA SEMPLICE DOMESTICA

è quella più diffusa per la ricarica semplice a casa.
Molto spesso si utilizzano caricatori portatili collegati a prese di corrente comuni (Schuko o Industriali).
Sul cavo di alimentazione del veicolo è presente un dispositivo denominato Control Box che garantisce la sicurezza delle operazioni durante la ricarica

RICARICA COLONNINE

consiste nel fornire energia elettrica (230V-AC monofase o
380/400V-AC trifase) al caricabatterie interno al veicolo elettrico; sarà quest’ultimo ad operare la trasformazione e ricaricare
la batteria in corrente continua.
Quando parliamo di condomìni e aziende spesso troviamo colonnine e wall-box in corrente alternata (AC), che utilizzano questo sistema di ricarica.
Vengono utilizzate stazioni di ricarica con prese specifiche per veicoli elettrici Tipo 2 (connettore standard europeo) eTipo 3A (connettore specifico per veicoli elettrici leggeri)

RICARICA COLONNINE FAST CHARGE

consiste nel fornire energia elettrica (230V-AC monofase o
380/400V-AC trifase) tramite apposite colonnine di ricarica veloci al caricabatterie interno al veicolo elettrico.
Queste applicazioni possono avvenire tramite colonnine “fast-charge” (380/400V-AC -compatibile con 500V-DC, 750V-DC e 1000V-DC) per ricarica auto EV standard CCS / CHAdeMO / AC Global standard , con potenze erogate da 50 a 150kW

Con le innovative colonnine “super-fast” HPC-DC (High Power Charging) la potenza erogata può arrivare fino a 400kW, riuscendo a ricaricare completamente un veicolo in meno di 15 minuti.

STAZIONI DI RICARICA DOMESTICHE

Le stazioni di ricarica per applicazioni private possono essere sviluppate all’interno di qualsiasi tipo di installazione esistente oppure possono dare vita impianti di nuova concezione basati su energie rinnovabili e architetture di building automation.

Le stazioni di ricarica domestica sono particolarmente adatte per un uso quotidiano durante i periodi di sosta prolungati. Queste applicazioni esemplificano le condizioni tipiche legate ai parcheggi individuali, come ad esempio i box privati oppure le aree condominiali con posti assegnati, dove un’autovettura sosta per un discreto numero di ore. Una stazione di ricarica domestica con una potenza nominale di 3,7 kW oppure di 7,4 kW è sufficiente per soddisfare la maggior parte delle esigenze relative alla ricarica di un autoveicolo in ambito privato.

Essendo il singolo veicolo di proprietà dell’utente, è possibile utilizzare una stazione equipaggiata con un cavo fisso e un connettore corrispondente a quello dell’autovettura. In tal caso, infatti, il cavo deve essere collegato solo al veicolo specifico e non deve essere riposto al termine della ricarica.  Le stazioni di ricarica sono ricche di funzioni di gestione e controllo e proprio per questo possono essere sfruttati per un’ampia tipologia di configurazioni d’impianto, dalle più basilari alle più sofisticate.

STAZIONI DI RICARICA CONDOMINIALI

Installare un punto di ricarica in un’abitazione singola e indipendente è semplice e immediato, ma cosa accade in ambito condominiale? Se si dispone di un box o area privata occorre distinguere come avviene l’approvvigionamento:

–       Tramite l’installazione di un contatore elettrico intestato al privato,

–       Tramite l’attacco collegato direttamente alla linea elettrica condominiale.

Nei due casi l’amministratore stabilirà l’ammontare/quota delle spese relative agli aggiornamenti/adeguamenti impiantistici (es. adeguamento CPI certificato di prevenzione incendi o adeguamenti potenza contatore ecc…). Nel secondo caso sulla diramazione della linea elettrica privata sarà installato un contatore di misurazione del consumo di energia il cui costo sarà addebitato al singolo privato. Se non si dispone di un box o area privata si può installare il punto di ricarica nell’area comune/condominiale (cortile) con uso ristretto della stessa o contabilizzazione della ricarica.

Le infrastrutture di ricarica normalmente utilizzate in queste applicazioni sono le stazioni in corrente alternata a colonnina o wallbox dotate di una o più prese fisse standard europeo di tipo 2 o Tipo 3 con potenza nominale da 3,7 kW a 7,4 kW . Questi punti di ricarica sono normalmente destinati ai posti auto ove ci si aspettano soste prolungate delle autovetture, pari a diverse ore. Un caso tipico sono le soste notturne nei parcheggi condominiali, durante le quali è possibile effettuare una ricarica completa delle batterie del veicolo.

Questa tipologia copre le necessità primarie della maggior parte degli utenti dato che l’autonomia delle batterie caricate durante la notte supera la percorrenza media giornaliera della maggioranza delle autovetture in circolazione. Nei parcheggi ove fosse necessario la ricarica nelle ore diurne nell’arco dell’ora possono essere inserite anche stazioni in corrente continua o multistandard .

STAZIONI DI RICARICA PUBBLICHE E COMMERCIALI

Le colonnine di ricarica multi-standard supportano tutti gli standard e le tecnologie di ricarica rapida previste attualmente dalle normative a servizio delle attività commerciali dei settori HORECA, GDO, distributori di carburanti, dei parcheggi pubblici e privati. Il portafoglio di colonnine permette di offrire a tutti i veicoli elettrici attuali e di prossima generazione una soluzione affidabile per la ricarica delle batterie durante le soste brevi nelle aree di servizio stradali, presso i distributori di carburante, gli autolavaggi, i centri commerciali, i parcheggi condominiali, pubblici ed aziendali, i ristoranti e gli hotels. Tutte le colonnine sono dotate di risorse di connessione a internet, consentendo il collegamento e l’interfaccia della stazione con un ampio spettro di sistemi di gestione, di autenticazione e di pagamento. Ideale per favorire l’integrazione con i gestionali di stazione, questa capacità consente anche di fruire di funzioni di assistenza, diagnostica e aggiornamento da remoto.

DETRAZIONE 110%

Per le spese sostenute dal 1/07/2020 al 31/12/2022 la detrazione è riconosciuta nella misura del 110%, da ripartire tra gli aventi diritto in 5 quote annuali di pari importo, per la spesa sostenuta entro il 31 dicembre 2022, e in 4 quote annuali di pari importo per le spese effettuate nell’anno 2022, nel rispetto dei seguenti limiti di spesa.

SOGLIE

2.000 euro per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno.

1.500 euro per gli edifici plurifamiliari o i condomìni che installino un numero massimo di otto colonnine.

1.200 euro per gli edifici plurifamiliari o i condomìni che installino un numero superiore a otto colonnine.

OPPORTUNITÀ

Sconto sul corrispettivo, anticipato dal fornitore. Cessione del credito d’imposta ad altri soggetti, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari.

AGEVOLAZIONI FISCALI 110%

Il Decreto Rilancio del 19 maggio 2020 ha introdotto la possibilità di accedere alla detrazione fiscale del 110% per le spese sostenute per l’installazione di un punto di ricarica privato.

Per potervi accedere è necessario che l’intervento sia eseguito congiuntamente agli “interventi trainanti” che hanno diritto al Superbonus del 110%.

I soggetti ammessi all’agevolazione potranno optare, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione, alternativamente:

  • per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto fino a un importo massimo pari al corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e da quest’ultimo recuperato sotto forma di credito d’imposta, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti terzi;
  • per la cessione di un credito d’imposta corrispondente alla detrazione spettante, ad altri soggetti, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari, con facoltà di successive cessioni.

 

Per le spese sostenute dal 1/07/2020 al 31/12/2022 la detrazione è riconosciuta nella misura del 110%, da ripartire tra gli aventi diritto in 5 quote annuali di pari importo, per la spesa sostenuta entro il 31 dicembre 2022, e in 4 quote annuali di pari importo per le spese effettuate nell’anno 2022, nel rispetto dei seguenti limiti di spesa:

  • 2000 euro per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno
  • 1500 euro per gli edifici plurifamiliari o i condomìni che installino un numero massimo di otto colonnine
  • 1200 euro per gli edifici plurifamiliari o i condomìni che installino un numero superiore a otto colonnine.

L’agevolazione si intende riferita a una sola colonnina di ricarica per unità immobiliare.

 

Per gli interventi in corso di esecuzione al 1° gennaio 2021, il Superbonus è calcolato su un ammontare massimo delle spese pari a 3.000 euro.

DETRAZIONE 50%

Per l’acquisto e la posa in opera di infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica.

SOGLIE

Complessivo di spese sostenute non superiore a 3.000 euro.

OPPORTUNITÀ

Sconto sul corrispettivo, anticipato dal fornitore.

Detrazione sull’imposta da ripartire in 10 quote annuali di pari importo.

CONDOMINI

Sia per l’incentivo al 50%, che al 110%, rientrano nelle detrazioni anche eventuali costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale (fino ad un massimo di 7.4 kW) e le spese strettamente funzionali alla realizzazione dell’intervento (es. costi di allaccio).

L’agevolazione si applica anche alle spese documentate relative alle parti comuni degli edifici condominiali.

AGEVOLAZIONI FISCALI 50%

Rimane invariato quanto introdotto nella Legge di Bilancio 2019 e s.m.i. che disciplina la detrazione fiscale al 50% per l’acquisto e la posa in opera di infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica.

La spesa sostenuta dal 1/03/2019 al 31/12/2022 può essere detratta dall’Irpef o dall’Ires in 10 quote annuali di pari importo su un ammontare complessivo di spese sostenute non superiore a 3.000 euro.

Sia per l’incentivo al 50%, che al 110%, rientrano nelle detrazioni anche eventuali costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale (fino ad un massimo di 7.4 kW) e le spese strettamente funzionali alla realizzazione dell’intervento (es. costi di allaccio). L’agevolazione si applica anche alle spese documentate relative alle parti comuni degli edifici condominiali.

Sempre la Legge di Bilancio 2019 ha previsto poi un bonus per l’acquisto di auto elettriche e ibride che va da 4.000 euro fino a 6.000 euro.

A livello nazionale sono inoltre in vigore ulteriori agevolazioni, come ad esempio la completa esenzione dal pagamento del bollo per i cinque anni che seguono l’immatricolazione e sconti previsti anche per quelli successivi. Anche alcune polizze dell’assicurazione prevedono premi ridotti per le auto elettriche, con percentuali che variano dal 30% al 50% a seconda del modello e della tipologia di copertura richiesta.

SEDE OPERATIVA
COMPLESSO DIREZIONALE CRYSTAL PALACE
VIA CEFALONIA - 25124 - BRESCIA (BS)

info@teagest.it

+39 375 7003158 - TEAGEST
+39 081 18919610 - TEATEK

TEAGEST SRL
P.IVA 07272261210

LASCIA UN MESSAGGIO

PRIVACY

6 + 4 =